La Ludoteca del Green Park

Pubblicato: Venerdì, 19 Settembre 2014
Nel gioco, la strada verso l'autonomia
I Quartieri della citta', negli ultimi tempi, grazie anche allo stanziamento di finanziamenti erogati appositamente per i bambini e gli adolescenti, hanno visto fiorire delle strutture di nuova concezione: le Ludoteche.
Ma che cosa sono le Ludoteche? Quali sono i servizi che offrono? In realta', il servizio offerto non corrispone ad uno standard definito e il ruolo che esse hanno e' stato sottoposto nel tempo a diverse interpretazioni. Nate come luogo per lo scambio dei giocattoli e per il prestito di giochi in scatola, indistintamente rivolte ad adulti e bambini, le ludoteche, attualmente, si vanno definendo come servizi di maggiore complessita', dove la componente ludica, nei suoi diversi e molteplici aspetti, si delinea come strumento preferenziale per l'attuazione di vere e proprie risorse sociali sul territorio legate strettamente al mondo dell'infanzia. Diventa interessante, comprendere il ruolo della Ludoteca nella societa' odierna che, in seguito ai cambiamenti degli ultimi decenni, si caratterizza fortemente per la scomparsa della cosiddetta "famiglia allargata", e per la conseguente perdita di importanza della complessa vita comunitaria che contraddistingueva la societa' di un passato neanche troppo remoto. Evidenziando questi aspetti, diventa palese che la funzione della Ludoteca va ben al di la' del ruolo di deposito di giochi, acquisendo, invece, una forte valenza pedagogica e sociale. In questo spazio, infatti, i bambini di oggi possono ritrovare un po' di quello spirito comunitario conosciuto da altre generazioni di bambini, potendo incontrare i propri compagni in un luogo protetto che, comunque, da' spazio al proprio bisogno di autonomia.
La Ludoteca tende a colmare quel vuoto relazionale che si e' creato intorno al bambino di oggi, proprio partendo dal presupposto che la vita dei bambini deve essere caratterizzata da relazioni umane arricchenti, da spazi pensati appositamente per loro, che tengano in considerazione il loro bisogno di sperimentare l'ambiente che li circonda, di crescere e socializzare. Una Ludoteca dovrebbe essere in grado di creare le situazioni piu adatte a stimolare la loro creativita', la loro fantasia, la loro autonomia. Il raggiungimento di tali obiettivi, dovrebbe passare attraverso il principio che il gioco non puo e non deve essere considerato in maniera semplicistica, ridotto cioe' ad una attivita' fine a stessa che riempie le giornate dei bambini. Il gioco e' senza dubbio uno dei settori piu importanti dell'interazione umana, un aspetto considerevole della crescita e della maturazione di ogni bambino. Esso nasce con l'uomo, ne costituisce espressione spontanea e insostituibile, permettendo un continuo confronto con la realta'. Attraverso la fantasia, il bambino e' in grado di trasfigurare qualunque oggetto per farlo diventare uno strumento dell'attivita' ludica, abbattendo cosi le barriere tra le cose e le immagini. Il gioco puo essere un valido strumento di apprendimento e un importante mezzo per esprimere la propria personalita', grazie alle sue potenzialita' proiettive. Basti pensare ad attivita' quali il teatro, dove l'attivita' ludica favorisce la proiezione e l'espressione dei sentimenti. Ma ci sono attivita' che vedono coesistere al loro interno le due condizioni. Ad esempio, il lavoro che i bambini fanno con i materiali non strutturati come la plastica o l'argilla, puo essere considerato sia un'ottima opportunita' per imparare, sia un utilissimo mezzo di espressione.
Un'esperienza ludica importante e' senz'altro quella che riesce ad integrare tutte queste situazioni e cio e' spesso possibile nelle Ludoteche, all'interno delle quali i bambini hanno la possibilita' di misurarsi in esperienze molteplici, riuscendo a creare un'identita' di gruppo favorita dal fatto che i giochi realizzati insieme, di qualunque genere essi siano aiutano a promuovere efficacemente la comunicazione. Il modello di intervento ludico piu rispondente a tali premesse e' quello che si struttura come un approccio globale con l'obiettivo di raggiungere l'adeguata soddisfazione dei bisogni fondamentali per il bambino, permettendolgi di potenziare le proprie capacita' di crescita autonoma. L'idea di base, infatti, e' che nella programmazione delle attivita' dovrebbe svilupparsi un'integrazione tra i diversi aspetti del gioco, dando importanza alla presenza equilibrata di tutti gli elementi che costituiscono un'esperienza ludica, da quelli piu prettamente ricreativi, a quelli spressivi, creativi, psicomotori e didattici, in rispondenza alle esigenze di crescita e di autonomia del bambino. Il criterio metodologico alla base dell'idea progettuale della Ludoteca Green Park e' il riconoscimento di 5 Aree di intervento prioritarie :
  • Creare;
  • Esprimersi ;
  • Muoversi ;
  • Giocare ;
  • Imparare ;
Tali settori rappresentano gli ambiti entro i quali le attivita' del bambino si dovrebbero sviluppare, al fine di garantire la creativita', la socialita', la capacita' di costruire manualmente o simbolicamente, la psicomotricita', l'apprendimento e l'emergenza attiva del Se', possano concorrere a formare una personalita' armonica. All'interno della Ludoteca, gli spazi dove poter mettere in atto le aree programmatiche prendono la forma di laboratori.
Ogni laboratorio soddisfa primariamente una determinata area di intervento, ma in qualsiasi forma di gioco e' possibile riconoscere, anche se in misura minore, la presenza di alcuni aspetti delle altre aree. L'Area di intervento del Creare, so costituisce come area elettiva di laboratori in cui viene evidenziato l'aspetto del gioco che si esprime nella creazione, progettazione e realizzazione di un prodotto che rispecchia il mondo interiore del bambino, dove la creativita' e la manualita' vengono promosse attraverso attivita' quali la pittura, la manipolazione di materiali, la costruzione di oggetti e giocattoli.
L'Area di intervento dell'Esprimersi, viene privilegiata nei laboratori in cui emerge l'aspetto del gioco piu strettamente legato all'espressione di se', in cui viene incentivata la comunicazione verbale e non verbale delle emozioni e delle competenze sociali attraverso, per esempio, la promozione di attivita' teatrali o musicali.
L'Area programmatica primaria del Muoversi, si realizza nei laboratori dove il gioco soddisfa il bisogno di cambiare la proria posizione nello spazio e di percepire il proprio corpo in movimento in relazione all'ambiente attraverso la proposta di attivita' psicomotorie.
L'Area del Giocare, si ritrova elettivamente in quei laboratori dove viene messo a disposizione dei bambini materiale costituito dai giochi didattici, giochi di societa' e di abilita', come anche giochi di ruolo piu strutturati che permettono meccanismi di identificazione e di proiezione da parte del bambino.
Infine, l'Area dell'Imparare, nei contesti in cui si intende favorire l'acquisizione di conoscenze attraverso l'utilizzazione dell'esplorazione, della percezione, della sperimentazione attiva. A tal fine vengono utilizzati i diversi strumenti di comunicazione, dal giornale, al Computer, dal Libro al Videoregistratore per ampliare le proprie conoscenze. Il gioco si inserisce in tutti gli aspetti della vita del bambino e si esprime attraverso l'uso di differenti canali comunicativi. In tale ottica, la Ludoteca, quale luogo elettivo del gioco, dovrebbe prevedere la possiblita' di scegliere tra differenti alternative di gioco che difiniscano, nella loro globalita', un percorso di crescita completo che possa condurre il bambino verso l'acquisizione di una sempre maggiore autonomia e crescita sociale.
Share
Visite: 782

Iscriviti alla Newsletter!