Bambini in movimento

Pubblicato: Venerdì, 19 Settembre 2014
Quando si pensa al mondo dell'infanzia, e' molto probabile che affiorino immagini di bambini che giocano con la sabbia e l'acqua del mare, con le foglie di un albero, con uno scivolo al Parco Giochi o con un divano nel salotto di casa. Insomma un'infanzia che si muove, gioca, sperimenta con il corpo. Il bambino, generalmente, per esprimere le sue emozioni tende ad usare il movimento del corpo, attraverso il quale riesce a raccontarsi e a scoprire il mondo che lo circonda, impegnandosi nello spazio con le cose e le persone. Seguire lo sviluppo psichico del bambino significa saperlo dedurre seguendo in parallelo il suo sviluppo somatico e motorio, attivando, cioe', processi di "educazione psicomotoria", un'educazione che si esplica attraverso una serie di attivita' che partono dalla spontaneita', dal piacere di agire e di giocare del bambino, attivita' che favorisono uno sviluppo psico-fisico armonioso ed affinano gli schemi motori indispensabili al controllo del corpo e all'organizzazione dei movimenti. Le attivita' di movimento correttamente impostate favoriscono lo sviluppo, stimolano la concetrazione e la memoria, facilitano la formazione dei concetti e incoraggiano l'integrazione di gruppo. Tutti elementi che assumono un'importanza notevole nel processo di crescita del bambino e che sono stati promossi attraverso l'introduzione della pratica psicomotoria nelle Scuole, anche grazie alle prospettive aperte dai Programmi Scolastici introdotti negli anni '80. Questi Programmi, hanno sottolineato la necessita' di non limitarsi a favorire lo sviluppo intellettuale del bambino, ma di dare maggior rilievo alla persona e al suo sviluppo.
In questo contesto, tuttavia, c'e ancora molto da fare. Sono poche, infatti, le Scuole che hanno a piena disposizione uno spazio adeguatamente attrezzato, all'interno del quale si puo dare al bambino la possibilita' di esprimersi in modo autentico e spontaneo e di interagire con i suoi compagni, avendo a disposizione materassi, cubi, materiali molteplici(moduli) che, grazie ai loro colori, volume e densita', inducono i bambini ad un'attivita' motoria variegata. Materiale che offre numerose possibilta', sia con moduli singoli che combinati. E' infatti possibile inventare dei giochi motori, utilizzare tutte le capacita' del corpo, arricchire il proprio repertorio di azione, ampliare i movimenti, combinare e collegare diverse azioni motorie, insomma trovare il piacere di agire senza alcuna esitazione. Le possibilita' offerte dall'utilizzo dei moduli sono davver tantissime e i benefici derivanti dagli essercizi psico-motori incalcolabili, soprattutto per i bambini che frequentano la Scuola Materna(3-6 anni). E' questo, infatti, il periodo in cui lo sviluppo della motricita' e della cinestesi permette di utilizzare in modo, sempre piu preciso, il corpo. A cio' si deve aggiungere la migliore conoscenza delle emozioni e delle regole sociali. Anche il gioco si modifica man mano che il bambino cresce, passando da un'attivita' funzionale (giocare con le singole parti del corpo: il braccio, le mani, il piede...) ad un'attivita' di sperimentazione, in cui e' coinvolto l'intero corpo che salta, corre, cammina. Nella Scuola Materna si possono organizzare percorsi psicomotori che utilizzano un vasto repertorio di azioni elementari quali correre, arrampicarsi, lanciare, saltare, scivolare, spingere ;
di azioni fondamentali quali orientarsi e stare in equilibrio, nonche' azioni di gioco quali nascondersi, dondolarsi, girare e arrotolarsi.
I bambini possono utilizzare il materiale messo a loro disposizione individualmente, a coppie o organizzando delle squadre. L'elemento agonistico dei percorsi concorre allo sviluppo della socializzazione e dei principi della sana e leale competizione.
Nella Scuola Materna :
  • i bambini costruiscono percorsi ed ambienti ;
  • le loro competenze sono sviluppate in situazioni autogenerative che permettono un approccio gloabel ;
Si puo' fare :
PRIMO LIVELLO
  • utilizzare, secondo una propria inziativa o in risposta alle sollecitazioni dell'ambiente, un vastissimo repertorio di azioni elementari: correre, arrampicarsi, lanciare, saltare, scivolare, cadere, manipolare, spingere... ;
  • realizzare azioni in un ambiente assestato ;
SECONDO LIVELLO
  • integrare il repertorio di azioni elementari, interamente acquisite, con moduli d'azioni fondamentali: orientarsi, stare in equilibrio... ;
  • controllare il corso dell'attivita' fisica, le emozioni dei bambini in situazioni difficili ;
Riuscendo cosi a...
  • utilizzare tutte le capacita' del corpo ;
  • arricchire il proprio repertorio di azione ;
  • trovare movimenti non abituali ;
  • combinare diverse azioni motorie ;
Nello schema che segue sono mostrati esempi di diverse azioni combinate tra loro:
Attraverso queste combinazioni e' possibile realizzare tantissimi percorsi. Ve ne suggeriamo uno, a titolo esemplificativo, abbastanza semplice da preparare e molto divertente per i bambini.
L'insegnante ha, quindi, nell'ambito dell'organizzazione della sua attivita', la possibilita' di programmare e verificare il raggiungimento degli obiettivi, predisponendo situazioni e contesti operativi all'interno dei quali osservare il comportamento dei bambini. Situazioni strutturate grazie ad apposito materiale e secondo regole stabilite. il comportamento del bambino puo' essere seguito con l'ausilio dei criteri simili a quelli dell'esempio che vi proponiamo nella tabella che segue:
 
E come questi possono essere realizzati moltissime altre soluzioni, data la varieta' e la versatilita' dei moduli. Situazioni attraverso le quali il bambino impara a riconoscere l'immagine di se', quale entita' separata e differente, ma nello stesso tempo capace di entrare in relazione con il mondo esterno. Inoltre, durante l'infanzia esiste un'identificazione molto forte tra attivita' psicomotoria ed attivita' ludica: e' proprio attraverso il gioco mediato dal corpo che il bambino osserva, sperimenta, scopre, vivendo cosi un'esperienza davvero arricchente e completa.
 
Share
Visite: 825

Iscriviti alla Newsletter!